Crea sito

Raul Bova, addominali addio: spunta la pancetta

Un fisico statuario scolpito dai lunghi ed intensi allenamenti in piscina. Raoul Bova è uno dei sex symbol del cinema italiano. Da ragazzo sognava la medaglia d’oro olimpico nel nuoto, da adulto ha sbancato le sale cinematografiche ed ha fatto innamorare tante italiane (e non solo). La sua ultima fiamma è la modella spagnola Rocio Munoz Morales. Con la show girl il romano sembra aver ritrovato l’equilibrio giusto dopo la separazione da Chiara Giordano e tante storie interrotte bruscamente. Bova ha compiuto da poco 46 anni e si è concesso qualche giorno di relax con la compagna e la piccola Luna in una masseria poco distante da Brindisi. Lontano dal trambusto e dagli schiamazzi della turbolenta movida l’attore si è concesso il buen retiro per ricaricare le pile in vista dei prossimi impegni professionali. I ‘paparazzi’ del settimanale Chi sono riusciti a scovare l’artista laddove immaginava di non essere raggiunto da nessuno. Gli scatti pubblicati dal periodico di Alfonso Signorini hanno mostrato un Bova non più tonico ed asciutto come ai bei tempi. Gli addominali non sono più quelli di un tempo con una leggera pancetta che inizia a far capolino. Probabilmente il romano avrà allentato gli allenamenti e si sarà concesso qualche peccato di gola in più.


I segni degli anni
che passano si notano anche sulla folta barba bianca. Nonostante ciò le ammiratrici lo reputano affascinante e l’uomo ideale con il quale trascorrere una serata in intimità. Non sono mancati piccoli contrattempi che probabilmente hanno distratto Bova. L’attore è finito al centro della discussione mediatica per la condanna per evasione fiscale (presenterà ricordo in Appello) e per un malinteso social in occasione di un cinguettio Twitter sul terremoto di Ischia. Nell’attesa di recuperare la tonicità fisica il quarantaseienne si è dedicato anima e corpo ai suoi amori. Coccole e dolci baci alla piccola Luna e tante dolcezze con Rocio. Con o senza addominali Bova riesce sempre a stregare le sue donne. E non solo.