Il mistero delle morti a luci rosse: 5 decessi in due mesi

 

 

La star del cinema a luci rosse Olivia Lua è stata trovata morta in un centro di riabilitazione in California giovedì mattina. E’ la quinta attrice di film per adulti a morire negli ultimi tre mesi in circostanze misteriose. L’agenzia di Lua, la La Direct Models, ha confermato il sua decesso attraverso una nota stampa. ‘Con grande tristezza dobbiamo informare che la lista delle attrice morti si è allungata. Abbiamo saputo che Olivia Lua è morta ed ora riposa in pace’. La star della trasgressione aveva 23 anni ed aveva firmato con l’agenzia nell’aprile 2017. Nel comunicato l’agenzia ha precisato che la giovane era in clinica residenziale da ottobre a causa di alcuni problemi personali. Nessun elemento particolare è stato fornito sulle cause della morte. Da rilevare che il vero nome della ventitreenne è Olivia Voltaire che la sera prima del decesso ha pubblicato una foto su Twitter in completo accompagnato dalla didascalia: ‘La sento ovunque, nulla mi spaventa più’. L’agenzia La Direct Models ha spiegato che la famiglia e gli amici di Lua non avevano nascosto la preoccupazione per il volume di farmaci prescritti a Olivia e per le conseguenze derivanti dall’assunzione degli stessi’.

 

Molti fan e colleghi attori hanno manifestato il proprio cordoglio su Twitter sottolineando di essere profondamente addolorati per la morte della giovane attrice. Olivia è la quinta star del cinema per adulti deceduta nell’arco di tre mesi. Nello specifico ad inizio mese è scomparsa un’altra star della Fellow La Direct Model. La ventenne Olivia Nova è stata trovata morta all’inizio di questo mese a Las Vegas con l’agenzia che ha sottolineato che le due morti non erano collegate tra loro. ‘Noi della Direct Models facciamo fatica a credere che nel giro di pochi settimane siamo stati costretti a fare un comunicato del genere’.

Precedente Addio Dolores O' Riordan, la voce dei Cranberries conquistò il mondo con Zombie (video) Successivo Indagato Luca Pasquaretta il portavoce del sindaco di Torino Chiara Appendino