Crea sito

Le banche, siano meno rigide nell’erogare prestiti e mutui a lavoratori e imprese

Credo che in questo periodo di crisi profonda causa emergenza coronavirus, le banche ovviamente con la garanzia dello stato, dovrebbero essere il meno rigide e meno farraginose possibili, nell’erogare mutui di liquidità e prestiti ai lavoratori, lavoratrici ed imprese che ne hanno bisogno.
Tuttavia, rimane la necessità e l’urgenza che lo stato italiano, possibilmente libero dai vincoli e diktat europei, crei una banca pubblica che garantisca i cittadini in difficoltà.
Oltre a innalzare gli stipendi e le pensioni, dovrebbe introdurre anche il meccanismo del tfr in busta paga ogni cinque anni ed eliminare i fastidiosi conguagli fiscali di fine anno che penalizzano ulteriormente la classe lavoratrice.
Altro che assistenzialismo di stampo conservatore che serve a ben poco o, non serve a niente servono garanzie certe e nuove rigidità per tutti.

Mimmo Lastella scrittore ed opinionista

Questo sito non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 07.03.2001. Copyright © 2007-2021 MEDIA CHANNEL by P.L.A. Association. All Rights Reserved.