La casa di Montalbano è uno tra i sogni degli Italiani

La casa di Montalbano è tra le case più note e più amate d’Italia, è Una villetta sulla spiaggia di Punta Secca, in Sicilia, che il mondo ha imparato a conoscere grazie alla fortunata fiction “il Commissario Montalbano”.

Piccolo borgo marinaro, frazione di Santa Croce Camerina (in provincia di Ragusa), Punta Secca viene chiamata dalla gente del posto “a sicca”, per via della piccola formazione di scogli di fronte alla spiaggia (una secca, per l’appunto) ed è proprio qui, di fronte al mare, che si trova la villetta del commissario Salvo Montalbano, protagonista delle fortunata fiction trasmessa dalla Rai e in 65 Paesi del mondo.

Agli inizi del Novecento, la casa di Montalbano era un magazzino per il pesce, li venivano trattate, salate ed essiccate le sarde e le acciughe, in quella che oggi è la veranda della casa che si affaccia sulla spiaggia.

Nel 1904 fu acquistata dal nonno dell’attuale proprietario, che tanto amava il mare, l’edificio a quel tempo era precario, non era alto più di quattro metri, ma lui seppe trasformarlo in una casa confortevole, una casa oggi divenuta bellissima.

Punta Secca era amata da Leonardo Sciascia, Gesualdo Bufalino e da Elvira Sellerio, della Casa Editrice Sellerio Editore. Elvira, innamorata di quell’angolo di Sicilia, affittò per le sue vacanze una casa non distante da quella che oggi è la nota casa di Montalbano. Ad Elvira, tra uno sguardo sul mare e uno alla casa dei vicini con la grande terrazza, venne un’idea: quella di trasformare in film i romanzi di Andrea Camilleri e far rivivere le storie del Commissario Montalbano in quell’angolo di Sicilia. Così, invitarono lo scrittore a Punta Secca, il resto è storia: la signorile villa di corso Aldo Moro divenne la casa di Montalbano… e poi, in seguito, un Bed&breakfast di successo.

Oggi i turisti possano vivere, almeno per qualche giorno, come il commissario più famoso d’Italia, dinnanzi al mare di Punta Secca, alloggiando nella stupenda villa che ancora a oggi mantiene gli arredi novecenteschi utilizzati nella fiction televisiva.

Precedente Ora parlo io: Felix Belmondo ribatte le dichiarazioni di Malena Successivo Ora parlo io: Axel Ramirez fonda il "Nappismo" e Valentina Nappi continua a perdere credibilità