Bea è volata in cielo a riabbracciare la sua mamma, oggi i funerali

Un giorno grigio e triste nella Torino che l’ha vista nascere e crescere, oggi 17 Febbraio 2018, si svolgono i funerali della piccola Bea presso la chiesa del Santo Volto in v. Val della Torre 11.

Beatrice Naso, guerriera come la sua mamma Stefania Fiorentino ( morta alcuni mesi fa di una malattia che non lascia scampo ), è venuta a mancare il 14 Febbraio il giorno degli innamorati, lei che di amore ne ha dato e ricevuto molto da chi ha avuto la fortuna di conoscerla e da molte persone da tutto il mondo.
Nella serata del 14 febbraio sulla pagina FB dedicata a lei la zia scrive: “Beatrice questa sera è volata via. In questo giorno, dedicato agli innamorati, ha deciso di correre ad abbracciare la sua mamma. Saperle insieme sarà la nostra forza.

Bea è stata ricevuta da Papa Francesco, ha conosciuto Emma Marrone e tanti altri personaggi, tutti mobilitati per lei, nella lotta contro la sua malattia che a oggi non ha ancora un nome ed una spiegazione, un male che calcifica le ossa, blocca man mano le articolazioni, frenando la crescita.
Per Bea ci sono stati vari eventi come il “Derby dell’amicizia” allo Stadio Nebiolo, con le glorie di Juve e Toro organizzato dalla Nazionale Italiana dell’Amicizia, la NIDA di Walter Galliano. Il Derby era per raccogliere fondi, per aiutare Stefania e Alessandro a sostenere le cure della piccola Bea ma anche per sensibilizzare sulle malattie rare di molti bimbi.

Alessandro Naso, il papà di Bea, è distrutto e dice: quando andava in crisi aveva paura di riposare, di addormentarsi… mi diceva ”Papà stai con me, non voglio chiudere gli occhi, ho paura… se dormo poi non mi sveglio più”. Non riuscire più a svegliarsi era la sua paura più grande. Con tutto quello che ha passato, povera anima mia, capiva perfettamente quanto fosse sottile il confine fra il sonno e la morte. Quello che voglio adesso è ritrovare la serenità e continuare a tenere acceso il ricordo della mia bimba attraverso l’associazione, spero che la vita me lo lasci fare.

Bea voleva crescere, vivere e aiutare i bambini in difficoltà ma Bea è volata in cielo a riabbracciare la sua mamma, avrebbe compiuto nove anni a giugno.
Le nostre più sentite condoglianze ad Alessandro e a tutta la Famiglia di Bea, dalla Redazione di Media Channel, che ha avuto l’Onore di conoscere la piccola grande guerriera: Bea.

Precedente Musica e arte: l'acuto di Re d'Italia Art al Festival di Sanremo Successivo Otto marzo, Festa della Donna nel segno di eros e orgoglio